17 maggio 2019

Rotta verso l’ignoto, «io e gli altri»
Nel 1738 il filosofo inglese David Hume ricordava che «non è contrario alla ragione che io preferisca la distruzione del mondo intero piuttosto che graffiarmi un dito». Tuttavia aggiungeva che non è contrario alla ragione neppure che «io scelga la mia
completa rovina per risparmiare il più piccolo dolore a un indiano o a una persona che mi è del tutto sconosciuta». Il cuore umano sa essere immensamente grande mediante una una serie di aiuti, tra cui l’empatia. Possiamo infatti provare dolore anche quando la disgrazia colpisce qualcuno che non ci somiglia. Per alcuni l’empatia è un’abilità sociale, per Pier Paolo Pasolini, assiduo lettore della Bibbia, è «il cuore cosciente», altri ancora distinguono tra «empatia cognitiva» ed «empatia sociale». C’è perfino qualcuno che vorrebbe distruggerla, l’empatia. Ma spreca tempo.


Teatro F. STABILE
09.30 Proiezione di un film documentario che sublima come l’empatia che si esercita nel cinema può essere la via attraverso la quale comprendere, per poi fare, il bene altrui.
12.00 Conversazione sui temi della proiezione.
13.30 Pausa Pranzo.

Cine Teatro DUE TORRI
09.30 Proiezione di un film documentario che sublima come l’empatia che si esercita nel cinema può essere la via attraverso la quale comprendere, per poi fare, il bene altrui.
12.00 Conversazione sui temi della proiezione.
13.30 Pausa Pranzo.
14.30 Laboratorio “Sguardo dell’uomo senza gusto”: basta una lacrima per sentirsi assolti? Nessun secolo come il Settecento si è interrogato di più sul ruolo delle emozioni all’interno di una società civile.
17.30 Termine delle attività didattiche.
18.30 Cinema aperto: proiezioni tematiche fino alle 22.00.

 

programma 2019           facebook 2019